Che la festa abbia inizio!

Che la festa abbia inizio!
Articles
10Gennaio2018

Brooks Brothers inizia con Pitti Uomo i festeggiamenti di duecento anni di storia

Storicamente è più antico della Maison Hermès, della Louis Vuitton, della prima automobile, di Chanel, di Hollywood, della statua della Libertà. Oggi il marchio a stelle e strisce di abbigliamento americano non ha più solo radici maschili, ma la sua lunga e gloriosa storia parte da lì.

La Brooks Brothers fu fondata a New York nel lontano 1818. Una piccola merceria familiare all’angolo tra Catherine Street e Cherry Street che nel tempo si è trasformata in leggendario brand internazionale, definendo un invidiabile stile americano mantenendone la qualità. La bottega agli inizi si chiamava Henry Sand Brooks, l’arrivo dei Brothers è del 1850, quando il negozio passa ai quattro figli maschi, dopo la morte del fondatore.

Fu la prima azienda a offrire abiti confezionati, a inventare nel 1896 la camicia con il colletto button-down, la camicia non stiro, a diffondere tessuti come il madras e il seersucker. Brooks Brothers ha vestito quasi tutti i presidenti della Casa Bianca, da Lincoln a Obama, da Roosevelt a Kennedy, oltre ai rappresentanti della business community internazionale, personaggi del cinema, scrittori e intellettuali, e tutti gli amanti di quell’eleganza non esibita ma che si nota.

Il presidente e amministratore delegato è Claudio Del Vecchio, figlio di Leonardo patron di Luxottica, che nella primavera del 2001 ha acquisito il pieno controllo del marchio dalla Mark and Spencer che la voleva cedere. Il destino, in un momento disperato dell’America per l’attacco alle torri gemelle, è dalla sua. I concorrenti dell’asta sono solo due: si aggiudica il brand Claudio Del Vecchio che riaprirà la boutique proprio davanti alle Twin Towers l’11 settembre 2002. “Ammiravo quelle camicie, le vedevo indosso all’avvocato Gianni Agnelli che in fatto di eleganza ne aveva da vendere”.

 

Oggi Brooks Brothers si riconferma famoso per la sua eleganza senza tempo, per la qualità dei tessuti impiegati, per le lavorazioni artigianali e per l’innovazione.
Conta più di 280 negozi negli States e più di 700 punti vendita in 45 paesi del mondo.
“Abbiamo un legame indissolubile con i clienti, con i figli dei clienti. Un abito Brooks è una delle cose che un americano vuole avere, il primo abito che avrà, o quello che indosserà al matrimonio”.

Il brand ha conquistato anche le donne quando nel 2016 alle sfilate di New York ha presentato la collezione primavera/estate con la direzione creativa di Zac Posen, stilista già acclamato in America per i suoi abiti da sera. I festeggiamenti per i duecento anni iniziano qui a Firenze con la prima sfilata nella storia del marchio presentata, come Special Event, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, mercoledì 10 gennaio, durante il 93° Pitti Immagine Uomo, insieme ad una mostra sui leggendari archivi made in Usa della maison, nella Sala d’Arme.
 

Commenti