Cenci di Carnevale

Cenci di Carnevale
Articles
01Febbraio2016

Una deliziosa ricetta del dolce del Martedì Grasso per antonomasia

Semplici e golosi, i dolci del Carnevale italiano sono ricette che hanno alle spalle secoli di storia. Come i Cenci, la cui origine risale all’antica Roma. Che li chiamiate Chiacchere, come a Parma e in Basilicata, Frappe, come a Roma, o Galani, come nel Veneto, queste sottili e croccanti striscioline o rettangoli di impasto fritto che fanno impazzire grandi e piccini, sono presenti in tutta Italia, dove restano il dolce del Martedì Grasso per antonomasia.

Ecco per voi la ricetta tratta da Il libro della vera cucina fiorentina di Paolo Petroni, Presidente dell’Accademia Italiana della Cucina:

Ingredienti:
300 gr di farina 00
50 gr di zucchero
4 cucchiai di olio di oliva
2 uova
2 cucchiai di Vin santo
scorza di un'arancia
un quarto di cucchiaino di bicarbonato (facoltativo)
un pizzico di sale
olio per friggere (preferibilmente olio di semi di arachide)

Procedimento:
1) Mettete in una ciotola la farina a forma di cratere, al centro ponete lo zucchero, le uova, la scorza d'arancia grattugiata, l'olio, il Vin santo, il sale e, se lo mettete, il bicarbonato.

2) Impastate bene gli ingredienti per una decina di minuti, quindi fatene una palla e lasciatela riposare per una mezz'ora.

3) Con il mattarello stendete la pasta sulla spianatoia infarinata (aggiungendo poco latte se troppo dura), fino a ridurla ad uno spessore di circa 2 mm.

4) Con un coltello (o con la rotella apposita) tagliatela a strisce larghe due dita, poi tagliatele ancora in diagonale ogni quattro dita, in modo da ottenere delle specie di losanghe.

5) Friggetele in abbondante olio bollente, finché saranno belle dorate, poi mettetele ad asciugare su un foglio di carta gialla.

6) Serviteli, caldi o freddi, cosparsi di zucchero a velo e accompagnati con del Vin Santo.

Buon appetito!

Commenti