Le buche di Firenze

Le buche di Firenze
Articles
25Gennaio2019

Scendi le scalette ed entra nella più autentica tradizione gastronomica fiorentina

Una tradizione tutta fiorentina quella delle “buche”, accoglienti e caratteristici ristoranti ricavati nelle cantine di antichi palazzi, dove, tra ottimi vini, succulenti bistecche, tartufi, funghi e altre primizie, esplodono i sapori della ricca gastronomia toscana.
Le storiche sono tre: Buca Lapi, Buca dell’Orafo e Buca Mario.

Alla Buca Lapi, nella cantina di Palazzo Antinori, i profumi e i sapori autentici delle ricette di casa si ritrovano nei tortelli di patate fatti a mano e conditi con burro e salvia, in una sontuosa e impeccabile bistecca alla fiorentina e nelle fritture. Qui l’insalata di campo viene colta ogni mattina all’alba da un contadino di fiducia (via del Trebbio, 1r, ph. +39 055 213768).

La Buca dell’Orafo è una cantinetta a un soffio da Ponte Vecchio, con non più di una dozzina di tavoli. Vale la pena partire con un antipasto toscano a base di crostini e salumi, molto buoni, se è sul menù proseguite con la paglia e fieno alla boscaiola, optate poi per una bistecca alla fiorentina o, in alternativa, un’arista di maiale con patate (via de’ Girolami 28r, ph. +39 055 213619).

Buca Mario è nelle cantine di Palazzo Niccolini. Ha una particolarità: un privè con uscita sul retro. Quanto al cibo, ottimo lo sformatino di carciofi e anche la bistecca alla brace innaffiata da un buon Chianti d’annata, per chiudere in bellezza con Cantuccini e Vin Santo (piazza degli Ottaviani, 16r, ph. +39 055 214179). 

Commenti