Il primo incontro tra Dante e Beatrice

Il primo incontro tra Dante e Beatrice
Firenze
10Febbraio2014

Il 15 febbraio partono le iniziative a Firenze per il 740° anniversario

Il capitolo II de "La vita nuova" di Dante si apre con la descrizione del primo incontro con Beatrice Portinari, sua musa eletta e "mistica" che ne ispirò quasi tutte le opere. Ai tempi del primo incontro, avvenuto circa 740 anni faDante aveva nove anni e Beatrice otto e così scriveva: "era vestita di nobilissimo colore, umile e onesto, sanguigno, cinta e ornata a la guisa che la sua giovanissima etade si convenia".

E ancora: "tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia quand’ella altrui saluta, ch’ogne lingua deven tremando muta, e li occhi no l’ardiscon di guardare. Ella si va, sentendosi laudare, benignamente d’umiltà vestuta; e par che sia una cosa venuta da cielo in terra a miracol mostrare. Mostrasi sì piacente a chi la mira, che dà per li occhi una dolcezza al core, che ’ntender no la può chi no la prova: e par che de la sua labbia si mova un spirito soave pien d’amore, che va dicendo a l’anima: Sospira". 

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30, presso il Museo Casa di Dante, parte un ciclo di letture dell'opera "Vita Nova" a cura di Erminia Zampano. L'iniziativa prende spunto proprio dal 740° anniversario del primo incontro tra il Sommo Poeta e la sua eterna amata.

Commenti