Questa settimana a Firenze (18/24 marzo)

Questa settimana a Firenze (18/24 marzo)
Firenze
18Marzo2019

Tutto il meglio tra arte musica e spettacolo

A seguito di un'entusiasmante attesa, ricca di tante sorprese e novità, Il “Diari aperti” tour di Elisa fa tappa a Firenze per un doppio appuntamento. Il 18 e 19 marzo al Teatro Verdi. 

Il dissolvimento dell’antico mondo e la contraddittorietà del presente come materia di trasformazione fantastica sono al centro di Don Chisciotte di Cervantes (19-24 marzo), con Alessio Boni nei panni di Don Chisciotte e Serra Yılmaz in quelli di Sancho Panza.

Mimmo Paladino torna a Firenze come scenografo per La clemenza di Tito di Mozart (20-27 marzo) Federico Maria Sardelli dirige l’Orchestra e Coro del Maggio, Roberto Andò regia.

Irama, il vincitore dell'ultima edizione di Amici dopo il Festival di Sanremo 2019 torna a Firenze con il suo nuovo tour il 22 e 23 marzo al TuscanyHall.

Giovedì 21 e venerdì 22 marzo, il Teatro Puccini ospita uno dei più apprezzati attori italiani di cinema e teatro:Elio Germano interpreta La mia battaglia, un testo scritto insieme a Chiara Lagani.

We will rock you è lo spettacolo con i più grandi successi dei Queen e tra i musical più rappresentati al mondo. Alla prima edizione del 2009 a Milano erano presenti Brian May e Roger Taylor. Dopo 75 repliche e con oltre 100.000 spettatori, lo spettacolo torna in Italia, al Teatro Verdi, in una veste nuova, con la regia di Tim Luscombe (22-24 marzo.)

È in corso fino al 28 marzo la mostra Solo. Medardo Rosso, allestita negli spazi del Museo Novecento di Firenze. Curata da Marco Fagioli e Sergio Risaliti, la rassegna è dedicata a Medardo Rosso, uno dei più grandi scultori italiani del periodo a cavallo tra Otto e Novecento.

Al The Mall Firenze, fino al 15 aprile Fashion in Florence. La nascita della moda italiana mostra con gli esclusivi scatti dell’Archivio Foto Locchi per raccontare la nascita della moda italiana.

Vanno avanti poi le mostre: Animalia Fashion a Palazzo Pitti, Bansky a Palazzo Medici Riccardi e Luca Pignatelli al Museo Bardini. 

Commenti