Questa settimana a Firenze (28 gennaio/3 febbraio)

Questa settimana a Firenze (28 gennaio/3 febbraio)
Firenze
28Gennaio2019

Prime nazionali e vernissage tra arte e moda. Per voi, i nostri Save the date di questo fine gennaio e inizio febbraio

Da stasera fino a mercoledì mattatore del Nelson Mandela Forum sarà Enrico Brignano con il suo Innamorato Perso.

Domani al Teatro della Pergola Matteo Tarasco dirige Glauco Mauri Roberto Sturno per una prima nazionale da non perdere: I Fratelli Karamazov, ultimo capolavoro di Dostoevskij.

Mercoledì il secondo spettacolo del Teatro Niccolini in occasione della Giornata della Memoria: Cronache della Shoah. Filastrocche della nera luce, con la musica dal vivo di Fabrizio Bosso (alla tromba) e Julian Oliver Mazzariello (al pianoforte).

Per l’anniversario di matrimonio dei coniugi Doni, le Gallerie degli Uffizi offrono l’accesso alle coppie per l’intera giornata del 31 gennaio al prezzo di un biglietto singolo. La giornata sarà animata da focus e approfondimenti sui ritratti dei coniugi e sul Tondo Doni nella sala 41 (senza bisogno di prenotazione).

Al Teatro Verdi continua la stagione dei musical con un altro cult intramontabile: Mamma mia!, da mercoledì a domenica con nuove scenografie e costumi, oltre 30 persone in scena insieme e un’orchestra dal vivo che farà risuonare le magiche note del pop internazionale degli ABBA.

Giovedì 31 al Teatro Puccini Paolo Rossi, nella veste di autore, ma anche di regista e interprete, con Il re anarchico e i fuorilegge di Versailles.

Febbraio al Tenax inizia a suo di musica dance e house con Gabry Ponte alla consolle.

Dal primo febbraio al 15 aprile al The Mall Firenze la mostra Fashion in Florence. The birth of the Italian style racconta attraverso gli esclusivi scatti di Archivio Foto Locchi, come, a partire dagli anni ’50, Firenze diventò prima la patria e poi la capitale della moda Made in Italy.

Per gli appassionati d’arte il quartetto magico non cambia: Animalia Fashion a Palazzo Pitti, Flora Commedia di Cai Guo-Qiang agli Uffizi, Banksy a Palazzo Medici Riccardi e Luca Pignatelli al Museo Bardini.

Commenti