Patrizia Ciofi

Patrizia Ciofi
Flo People
15Gennaio2014
Teresa Favi

Una grande Soprano

Lei è nata a Casole d’Elsa, com’è il legame con la sua terra d’origine?
Molto forte, qui c’è tutta la mia famiglia, i miei affetti, i paesaggi straordinari della campagna senese che hanno fatto da sfondo alla mia infanzia.

Come è nata la passione per il canto lirico?
Ho sempre cantato, fin da piccola. Poi durante le lezioni di canto alle superiori la mia insegnante dopo avermi sentito cantare, ha invitato i miei genitori a farmi studiare in Conservatorio.

E così è stato?
All’inizio l’ho vissuto quasi come un gioco. Mi sono veramente appassionata alla voce e all’opera lirica con la mia seconda insegnante, che mi ha insegnato a cantare e a trasmettere con la voce delle emozioni.

Il consiglio più prezioso?
Gli insegnamenti di una grande maestra Anastasia Tomaceska che mi ha insegnato che la voce non è il fine ma il mezzo per emozionare il pubblico. 

Studi alla Chigiana di Siena ma anche a Firenze, che cosa la emoziona di questa città?
Mi emoziona il fatto che questa città rappresenta il mio punto di partenza artistica, qui ho fatto la Scuola di musica di Fiesole e qui ho debuttato per la prima volta nel 1989 nel ruolo di Donna Anna nel Don Giovanni di Mozart.

Quando cantare diventa un’arte?
Si può cantare in maniera meravigliosa senza dire niente, questa è la vera differenza.  

Commenti