Advertising

Connect with Firenze Made in Tuscany

Sign up our newsletter

Get more inspiration, tips and exclusive itineraries in Florence

+
Accorsi Teatro Stabile Toscana ph. Massimo Sestini
14 Febbraio 2020

Stefano Accorsi è il nuovo Direttore Artistico della Fondazione Teatro della Toscana

L'obiettivo? Far diventare il Teatro della Toscana una grande istituzione europea

Soffia aria di rinnovamento nel Teatro della Toscana, il Presidente Tommaso Sacchi e il Direttore Generale Marco Giorgetti annunciano la nomina di Stefano Accorsi a Direttore Artistico della Fondazione Teatro della Toscana, con il suo Teatro della Pergola di Firenze, per il triennio 2021-2023.

L'attore e regista italiano, nato a Bologna il 2 marzo 1971, diventerà, dal 2021, "un promotore per il rapporto virtuoso con il grande teatro internazionale, un nuovo direttore artistico che rappresenta un pezzo fondamentale dell'arte attoriale italiana e di un'italianità forte e esemplare", afferma il Presidente Tommaso Sacchi.

Per questa occasione pubblichiamo un'esclusiva intervista con l'attore risalente al 2012, incontrato durante la messa in scena del suo "Orlando Furioso" proprio all'antichissimo Teatro della Pergola.

Perché un attore di cinema affermato sceglie di fare teatro?

Semplice, mi piace recitare. In teatro c’è, di diverso dal cinema, l’adrenalina, il contatto con il pubblico con cui si viene a creare un vero e proprio dialogo che rende lo spettacolo un evento unico ogni sera. Per me che sono nato nel cinema, questa esperienza è stata una grande rivelazione. 

Bologna-Firenze un’ora di treno…

Eh, sai quante volte sono salito sull’Intercity per venire a Firenze quando facevo il liceo a Bologna. Il viaggio è breve, ma nel mezzo c’è l’Appennino, tutto cambia radicalmente, la gente, il cibo, la visione d’insieme.

Stefano Accorsi

Ma ti piace Firenze anche se è molto diversa da Bologna?

Una volta facendo footing sui Lungarni mi sono ritrovato quasi senza rendermene conto in un quartiere periferico, non era bello lo so, ma quei palazzoni, la vita che si svolgeva dentro, mi attiravano come un vortice.

Nel mondo del cinema hai degli amici legati alla Toscana?

Vittoria Puccini è di Firenze, anche Laura Morante è toscana, Sergio Castelletto ha una casa a San Casciano dei Bagni. Ho anche degli amici a Bolgheri e a Montalcino. 

Accorsi inizia la sua carriera nel 1991, quando è coprotagonista del film Fratelli e sorelle di Pupi Avati

Tolto il cinema, quali sono le tue passioni?

Amo leggere, mi piace correre e, da buon emiliano, adoro le moto. 

Come si fa ad essere bravi, famosi e fighi, e non rimanere antipatici né al pubblico, né alla critica, né ai colleghi?

Amando quello che si fa e rispettando gli altri.

Se non avessi fatto l’attore cosa avresti fatto?

Chissà forse il tipografo come mio padre.

 

 

Places

Inspiration

Connect with Firenze Made in Tuscany