Advertising

Connect with Firenze Made in Tuscany

Sign up our newsletter

Get more inspiration, tips and exclusive itineraries in Florence

+
Ravenna, poster di Dante Alighieri, ph. Massimo-Sestini

text Francesca Lombardi
photo Massimo Sestini

18 Dicembre 2020

Dante e la sua terra

Nel settecentesimo anniversario del poeta, Aldo Cazzullo ci racconta in chiave contemporanea il testo eterno della Divina Commedia

“L’Italia non è nata da una guerra. In Francia una donna forte, Giovanna D’Arco aiuta un re fragile a cacciare gli inglesi e nasce la Francia come la conosciamo. In Spagna tutto inizia con un matrimonio dinastico: la Regina di Castiglia sposa il Re d’Aragona. L’Inghilterra ha origine da un divorzio: Enrico VIII si libera contemporaneamente della moglie e del Papa. 

Duomo di Firenze di Santa Maria del Fiore. La Divina Commedia di Dante, Domenico di Michelino (1465), ph Massimo Sestini

L’Italia no: è uno stato molto più giovane come età geopolitica, ma quando nasce esiste da secoli. E’ figlia della Bellezza, della cultura, dell’arte, della poesia. L’Italia nasce con Dante che ci ha dato non solo una lingua, ma soprattutto ci ha dato una idea di noi stessi: per il poeta l’Italia non era uno stato ma un’idea.” Inizia così il nostro incontro con Aldo Cazzullo, pochi giorni dopo l’uscita del suo ultimo libro A riveder le stelle, un racconto scena per scena del viaggio di Dante che ha due pregi importanti: far rivivere nella nostra testa e nel nostro cuore anche  personaggi minori così mirabilmente descritti da Dante e che spesso dimentichiamo, e darci una chiave contemporanea di un testo eterno, Divino, come lo definì Boccaccio. Con Aldo apriamo le celebrazioni per settecentesimo anniversario della morte dell’Alighieri (1265-1321). 

Firenze, Battistero di San Giovanni Non mi sembravano più piccole o più grandi di quelle cabine per il fonte battesimale[...]" (Inferno XIX 16-18). ph. Massimo Sestini

Non c’era modo migliore: come ha detto Massimo Gramellini la sua corsa a perdifiato sulle tracce di Dante nel suo Inferno ha il passo eccitante tenuto dal Sommo poeta al tempo in cui scrisse la Commedia. Lo stesso ritmo incalzante del nostro incontro in cui si parla di Dante, dei suoi luoghi, della Toscana…

Con Dante nasce l’Umanesimo, dall’incontro tra la classicità simboleggiata da Virgilio, e la Cristianità “Aveva ragione Fernando Pessoa, grande poeta portoghese - continua Cazzullo - quando dice che Dante, uomo del Medioevo, è il primo Umanista. E questa civiltà ritrova le sue origini in Toscana, a Firenze. Nel mio libro io rintraccio proprio questo filo rosso che unisce la Commedia con i nostri giorni, questa idea d’Italia che passa per Giotto, Boccaccio, Petrarca il Rinascimento e il Risorgimento” 

Il viaggio con Cazzullo alla scoperta di Dante inizia nella nostra terra, e soprattutto a Firenze: “Giotto e Dante erano amici: Dante cita Giotto nella Divina Commedia; Giotto affresca il volto di Dante, e forse Dante si reca a trovare il grande artista italiano più volte mentre affresca la Cappella degli Scrovegni. 

Biblioteca Medicea Laurenziana, La leggera corteccia del mio genio solleva la vela" (Purgatorio I, 2) nel prezioso manoscritto Tempi 1, c. 32, ph. Massimo Sestini

Non si sa Dante abbia ispirato Giotto o viceversa, ma cosa mi colpisce è che se guardi il Campanile è una opera di architettura, ma anche di scultura e di pittura. Certe Madonne medioevali  degli Uffizi, certi soffitti, hanno gli stessi motivi...L’Italia, la Toscana in particolare, sono sempre state il software del mondo, i luoghi dove nascevano gli stili: il gotico giottesco, il Rinascimento, il Barocco, il Rococò, il Neoclassicismo, il Futurismo... Qui si è pensato al mondo e alla maniera di raffigurarlo.  Raffaello prima di morire scrive una lettera a Leone X, in cui chiede di salvare le vestigia dell’antica gloria italiana. Si riferisce a Roma ma dice Italia; possiamo continuare con Ugo Foscolo che si commuove sulla tomba di Vittorio Alfieri in Santa Croce e scrive l’ossa fremono amor di Patria; Leopardi scrive l’ode Sopra il monumento di Dante che si prepara in Firenze e Manzoni va a sciacquare i panni in Arno… Firenze quindi patria morale di una Italia che nasce dalla cultura.  E la lingua del nostro paese è la lingua di un libro - la Divina Commedia - nata nei mercati fiorentini”. 

Ponte Vecchio, targa di marmo, ph. Massimo Sestini

Il giornalista riflette ancora sulla città: “Ogni volta che sono a Firenze non posso non fermarmi di fronte a Palazzo Vecchio e osservo le sue statue, erette dai fiorentini: c’è Giuditta e Oloferne, una donna che taglia la testa a un generale nemico; poi c’è David, un pastore che uccide un gigante; il Perseo di Cellini che sconfigge la Medusa. Sono tre statue che coprono un secolo, dalla metà del 400 alla metà del 500: Firenze è il centro del mondo, una Manhattan ante litteram. Sono gli anni in cui nascono i grandi Stati Europei e la città è relativamente piccola al loro confronto. Ma con queste tre statue intende rivendicare la sua forza e la sua indipendenza. Un messaggio rimasto vero nei secoli” 

Il cammino di Cazzullo con Dante va anche oltre Firenze: l’Arsenale di Venezia, il Lago di Garda Le Torri di Bologna, ma anche Roma, Benevento, l’Etna, Scilla e Cariddi … Un vero e proprio avvincente viaggio nella nostra Italia. 

E Dante emerge dalle parole dello scrittore come uomo di grande coraggio intellettuale - che spedisce uomini e donne con nome e cognome all’Inferno - ma anche fisico: è un cavaliere di prima linea che combatte nella battaglia di Campaldino dimostrando grande valore. 

Palazzo Vecchio, porta in legno con incisione del Poeta disegnata da Sandro Botticelli, ph. Massimo Sestini

Un uomo moderno, con le sue fragilità e i suoi grandi voli di pensiero che lo rendono eterno. 

Partendo da questa riflessione, Aldo ricostruisce i legami tra Dante e altri grandi personaggi del nostro tempo: Giuseppe Ungaretti, ma anche Dino Campana, Vasco Rossi, Stephen King… 

Una storia  avvincente, incalzante dove passato e presente si rincorrono pagina dopo pagina e che noi illustriamo attraverso le immagini di Massimo Sestini, parte del progetto del fotografo per l’Anniversario dantesco. 

Un libro che ruota intorno alla Toscana, meta anche di bellissimi cammini sulle tracce del Sommo Poeta (viedidante.com) premiati da Lonely Planet come Best in Travel 2021. Sostenibilità, unica destinazione italiana. Per chi volesse celebrare Dante proprio percorrendo le sue stesse strade.  




Potrebbe interessarti

Inspiration

Connect with Firenze Made in Tuscany