Advertising

Connect with Firenze Made in Tuscany

Sign up our newsletter

Get more inspiration, tips and exclusive itineraries in Florence

+
greve in chianti
27 Aprile 2021

Greve in Chianti: cosa vedere, dove mangiare, cosa fare in questa magnifica perla del Chianti

Ristoranti, cantine, chiese, musei, hotel... tutto quello che c'è da scoprire a Greve e dintorni

Situata a circa 40 minuti da Firenze, Greve è la porta d'accesso fiorentina per il Chianti, uno dei territori toscani più ammirati nel mondo, sia per la sua bellezza che per i suoi straordinari prodotti, su tutti gli eccellenti vini (preparatevi a vedere spuntare ovunque il famoso Gallo Nero, simbolo del Consorzio dei vini del Chianti Classico).

La sua posizione strategica, a metà strada da Firenze a Siena - collegate dalla strada Chiantigiana che tocca altre piccole perle da non perdere come Panzano, Radda e Gaiole - ha reso questo luogo un vero e proprio crocevia per chi si trova a esplorare questo pezzo di Toscana. È il più grande centro del Chianti e conserva ancora oggi quella vivacità che lo caratterizza fin dal Medioevo, quando era la più importante piazza di scambio del vicino Castello di Montefioralle, maestoso castello che svetta sul suggestivo borgo murato appena sopra Greve.

una giornata di relax a greve in chianti

COSA VEDERE A GREVE IN CHIANTI:

  • Piazza Matteotti

Con i suoi ampi portici che ne delineano i contorni di 3 su 4 lati, oggi come allora il fulcro del paese è la centrale piazza Matteotti, dove trovare negozi, botteghe storiche di ogni tipo, dall'artigianato alla ristorazione. Al centro, ospita la statua di Giovanni da Verrazzano, scopritore della Baia di New York. Nella parte stretta, si trova la chiesa di Santa Croce di origine medievale, ma dalle forme neo-rinascimentali che ospita alcune preziose opere d'arte sacra, tra cui un trittico con Madonna e Santi di Bicci di Lorenzo.

il Monumento al Navigatore Giovanni da Verrazzano, che domina piazza matteotti

  • Propositura di Santa Croce
    Piazza Santa Croce, 2

Nel cuore del centro, non dimenticate di visitare la Propositura di Santa Croce, dalla facciata neo-classica, eretta al posto di una chiesa medievale, nella quale convergono svariate opere d'arte provenienti dalle chiese vicine: tra queste l’affresco della Vergine Maria con Bambino ed un trittico di Lorenzo di Bicci. 

Propositura di Santa Croce - Greve in Chianti

  • Museo del Vino
    Viale Vittorio Veneto, 55
    ph. +39 055 8546404

Nei locali dell’ex Cantina Mirafiori, tappa imperdibili il Museo del Vino, dove è possibile immergersi in due secoli di tradizione artigiana e vitivinicola. Frutto di un non comune sforzo documentale da parte della famiglia Falorni, il museo racconta attraverso una splendida raccolta di oggetti il cuore pulsante dell’attività economica del paese, attraversando i decenni e passando di mano a diversi proprietari, fino alla attuale famiglia Falorni, che ne ha promosso l’attività museale. Gli antichi strumenti per produrre e imbottigliare il vino lasciano strada alle degustazioni dei prodotti, in una vera e propria esperienza multisensoriale nel passato di questa regione; assaggiare e degustare ottimo vino, accompagnati dalla splendida cornice del Chianti, circondati dagli oggetti che ne hanno fatto la storia, per poter entrare appieno nella dimensione del Chianti e delle sue ricchezze. Il Museo è visitabile solamente durante i wine tour che partono dall’Enoteca Falorni, in piazza Tirinnazzi a Greve in Chianti, tutti i giorni alle ore 11:30 e alle 17:00.

Museo del Vino Greve in Chianti

  • Museo di Arte Sacra San Francesco
    Via S. Francesco, 2
    ph. +39 055 8544685

Godetevi la vista panoramica di Greve di Chianti dalla salita del Museo di Arte Sacra San Francesco, da cui si vede tutta la vallata del fiume Greve. Il museo è interessante per gli appassionati di arte religiosa, con approfondimenti archeologici sui reperti ritrovati nel territorio.

  • Cinema Teatro Boito
    Viale Rosa Libri, 2
    ph. +39 055 853889

Punto di riferimento per la cultura del territorio con una buona programmazione teatrale e cinematografica.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI GREVE IN CHIANTI:

  • Castello di Verrazzano
    Via Castello di Verrazzano, 1
    ph. +39 055 854243

Su una collina di 350 metri da non perdere il Castello di Verrazzano. Nato come fortificazione longobarda, fu costruito tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVI. In seguito si trasformò in una cosiddetta casa da signore, per poi divenire nel Seicento una classica villa con fattoria toscana. Nel castello, proprietà della famiglia fiorentina Da Verrazzano, nacque nel 1485 l’illustre esploratore e navigatore Giovanni da Verrazzano, cui è dedicata la statua in piazza Matteotti. In un manoscritto del 1170 si fa menzione dei vigneti già allora in piena produzione. Al castello è annessa una cappella in cui si trova una tavola del Ghirlandaio, l’Eterno Padre. Oggi il Castello di Verrazzano è una magnifica struttura che ospita cantine, vigneti, un agriturismo e ristorante.

Castello di Verrazzano

  • Montefioralle

Antico castello appartenente ai Buondelmonti e incendiato nel 1325, si sale su una strada: il borgo ruota intorno alla Chiesa di Santo Stefano, per trovare la veduta migliore di questo carinissimo borgo, scendete dal Montecalvario o dal Montefili.

il magico borgo di montefioralle

  • Pieve di San Cresci
    Via San Cresci
    ph. +39 055 853126

Una visita merita di certo la Pieve di San Cresci, una chiesa di architettura romanica, luogo di culto cattolico sito nella zona di Montefioralle.

  • La Macina di San Cresci
    Località S. Cresci, 1
    ph. +39 055 8544793

Gianfranco Sanguinetti fu uno scrittore italiano, rivoluzionario e membro dell’Internazionale Situazionista negli anni ’70 insieme a Guy Debord ha vissuto proprio a San Cresci dove oggi ha sede la Macina di San Cresci (www.chianticom.com), residenza per artisti proprio a due passi da Montefioralle e Greve in Chianti.

la macina di san cresci

  • Panzano in Chianti

Altra tappa d'obbligo per chi vuol esplorare le bellezze e i sapori del Chianti. Clicca qui per scoprire il nostro speciale itinerario.

panzano in chianti

  • Radda in Chianti

Conosciuto come il borgo delle Vigne, Radda è un delizioso borgo in provincia di Siena, al confine tra la val d’Arbia e la val di Pesa. Per sapere cosa vedere a Radda in Chianti, clicca qui.

il centro storico di radda in chianti

  • Gaiole in Chianti

Conosciuta da tutti gli appassionati di ciclismo, poiché "città natale" de L'Eroica, la storica gara in assetto vintage attraverso le strade bianche del Chianti, tra cui quelle che passano dai famosi castelli circostanti, tanto che da qui parte la cosiddetta Strada dei castelli. Clicca qui per sapere di più su Gaiole in Chianti.

gaiole in chianti

DOVE MANGIARE A GREVE E DINTORNI:

Prima di scoprire i migliori ristoranti a Greve, clicca qui se vuoi conoscere la nostra selezione dei ristoranti nei dintorni di Firenze e qui per quella delle più belle cantine dove mangiare in Toscana.

  • Antica Macelleria Falorni
    Piazza Giacomo Matteotti, 66
    ph. +39 055 853029

Non chiamatela “solo” macelleria né semplicemente un bistrot: nel cuore pulsante di Greve in Chianti, in piazza Matteotti, l’Antica Macelleria Falorni è un luogo della memoria dove riscoprire una tradizione rurale fatte di sapori e saperi. La food experience da Falorni parte infatti nei campi dove i maiali sono allevati allo stato brado e prosegue con la macelleria, dove si possono trovare numerosi tagli e preparazioni già lavorate, per terminare a meno di dieci passi con il bistrot sia all’interno del locale (un edificio medievale, peraltro) sia all’esterno, davanti ai portici. È qui, in questa sorta di risto-bottega, che ci si può sedere a gustare un menù all’insegna delle ricette tradizioni della cucina rurale toscana: una carta che offre un’ampia scelta tra cui fettunte, panini, taglieri con salumi e formaggi di zona, zuppe, tartare di vitellone (130 gr) con mostarda di Dijon, insalate, dolci e una serie di ricette della nonna Beppa, sia calde che tiepide e fredde. Il tutto accompagnato da una selezione di vini a bicchiere, anche con formula take-away. Raggiungibile a pochi minuti a piedi dalla piazza, l’Enoteca Falorni, con le sue 1000 etichette è la più grande dell’intero Chianti. Qui, nel sottosuolo del centro storico – in quella che fu la prima grande cantina costituita da nobili proprietari terrieri sono in degustazione almeno 100 diverse etichette.

Antica Macelleria Falorni

  • Mangiando Mangiando
    Piazza Matteotti, 80
    ph. +39 055 8546372

Un’ottima osteria con tavoli all’aperto affacciati sulla piazza principale di Greve, piazza Matteotti. Tra i piatti imperdibili di questo posto la Bistecca alla fiorentina, il peposo di Chianina e lo stracotto di guancia. 

mangiando mangiando

  • Terreno
    Via di Citille, 4
    ph. +39 335 1536335

Se desiderate mangiare all’aperto in campagna, tra i vigneti, provate Terreno a 5 minuti da Greve, dove Sofia Bebban Ruhne, ha avuto la visione di creare questo ristorante all'interno della tenuta di famiglia. Ha svariati tavoli sulla bellissima terrazza all’aperto affacciata sulle vigne.

Terreno Ristorante

  • Lamole di Lamole
    Via di Lamole
    ph. +39 342 091 2853

Per un'esperienza del Chianti classico è d'obbligo una visita con degustazione nella cantina della celebre Tenuta Lamole di Lamole: un’esperienza unica, è come ripercorrere la storia del Chianti Classico e svelarne i segreti. Sarete accolti nel Salotto di Lamole, da dove vi sposterete nei pressi della cantina per ammirare il Vigneto Storico (del 1945) e quello Sperimentale: la cantina di vinificazione, tecnologicamente avanzata, farà da contrasto a quella Storica, dove sono collocate le grandi botti destinate all’affinamento del talentuoso Sangiovese e le barrique per la maturazione di Merlot e Cabernet Sauvignon. Qui è custodita la “memoria storica” di Lamole: le tante bottiglie impolverate, ricordo di antiche vendemmie, testimoniano la capacità d’invecchiamento dei vini nati in questo borgo di eccellenza. La visita termina con la Vinsantaia, dove affina lentamente uno dei prodotti simbolo del Chianti Classico: il Vinsanto, ottenuto con il metodo tradizionale. A seguire, una degustazione di 4 vini con in abbinamento con piccoli assaggi di prodotti tipici.

Lamole di Lamole ph credits: callmewine.com

  • Vitique
    Via Citille, 43 - Greti 
    ph. +39 055 933 2941

Ristorante e bistrot sorti come costole dell’esperienza alla cantina Santa Margherita Tenimenti Toscani, Vitique sa offrire ricerca o una cucina contemporanea più legata al territorio, che si apprezza tutt’intorno alla tenuta. Il menu del ristorante propone anche tre percorsi degustazione, il bistrot, invece, aperto solo a pranzo, invita a un’esperienza più agile, con le proposte di mezzogiorno: formaggi e salumi della macelleria Falorni, paccheri con ragù bianco di coniglio, limone e timo, risotto con pistilli di zafferano e vinsanto, filetto di manzo alla brace.

Vitique

CANTINE A GREVE IN CHIANTI E DINTORNI:

  • Tenuta Casenuove
    Località S. Martino in Cecione, 39
    ph. +39 055 852009

È la tenuta di Philippe Austruy dove ogni anno, in collaborazione con Galleria Continua, un artista è invitato a fare esperienza di questi luoghi e a creare un’opera in loco, che diventano installazioni permanenti tra cui la prima è quella dell'artista camerunese Pascale Marthine Tayou.

TENUTA CASENUOVE

  • Tenuta degli Dei
    Località San Leolino, 56
    ph. +39 055 852593

È la splendida tenuta di proprietà della famiglia Cavalli a San Leolino. Le prime viti furono piantate nel 2001 e del 2006 è la prima vendemmia imbottigliata. Il tour include la Tinaia e la Barricaia, una passeggiata tra i vigneti, una degustazione di tre vini e la possibilità di una visita alle scuderie.

TENUTA DEGLI DEI

  • Tenuta Tignanello
    Via Santa Maria a Macerata - San Casciano in Val di pesa

Una delle cantine di punta della famiglia Antinori, quella dove nascono due incredibili Super Tuscan, il Tignanello, il primo della storia, e il Solaia. Solitamente non aperta a visite.

  • Antinori nel Chianti Classico
    Via Cassia per Siena, 133 - Bargino
    ph. +39 055 2359700

Poco più distante da Greve, ma visitabile con vari tour e perfettamente di strada se si arriva o si torna da Firenze prendendo la Firenze-Siena uscita Bargino, è l'altra famosa cantina Antinori, assolutamente da non perdere non solo per i vini, ma anche per la spettacolare architettura, progetto dello studio fiorentino Archea, e per l'ottimo ristorante Rinuccio 1180.

Cantina Antinori a Bargino

DOVE DORMIRE A GREVE IN CHIANTI:

  • Castello di Vicchiomaggio
    Località Vicchio, 4
    ph. +39 055 854079

Insieme a quello di Verrazzano già citato, un altro magnifico castello perfetto per il vostro soggiorno nel Chianti. Situato in uno storico castello quattrocentesco, appena fuori Greve, il Castello Vicchiomaggio produce e vende il suo vino Chianti. Decorate in stile elegante e classico, le camere sono una finestra sulla natura incredibile del Chianti, che si può ammirare anche dalla bellissima piscina esterna panoramica. Al mattino vi attende una colazione a buffet, mentre il ristorante serve piatti della cucina tradizionale toscana, in una sala ristorazione in stile rinascimentale con soffitti a volta.

Castello Vicchiomaggio

  • Borgo del Cabreo
    Via Montefioralle Case sparse 6
    ph. +39 055 3985032 , +39 347 1174065

Un piccolo casale interamente ristrutturato, un vero e proprio Relais di Charme che offre ospitalità in stanze dove l’architettura tradizionale toscana si fonde perfettamente con un design moderno. Situato sulla vetta di una collina, circondato da eleganti vigneti, il Borgo del Cabreo gode di un panorama unico con vista a 360 gradi. Incastonata tra i vigneti, una piscina esterna riscaldata vi aspetta.

Borgo Del Cabreo

  • Castello di Querceto
    Via Alessandro François, 2
    ph. +39 055 85921

Agriturismo, antico castello, nonché una delle tenute storiche del Chianti Classico, dal 1897 di proprietà della famiglia François, con cantina visitabile e enoteca.

Castello di Querceto

  • Vignamaggio
    Greve - Panzano in Chianti
    ph. +39 055 8546653

Tra i territori di Greve e Panzano in Chianti, Vignamaggio è fattoria biologica, cantina storica in attività dal 1404 con più 400 ettari tra vigneti, orti, giardini e struttura dove trascorrere rilassanti soggiorni scegliendo tra 4 opzioni: Il Casolese e L'Orto (a Greve) e la Pensione e Il Prato (a Panzano).

il casolese di vignamaggio

  • Fonte de' Medici
    Via Santa Maria a Macerata, 31 - Montefiridolfi
    ph. +39 055 8244700

Un antico borgo quattrocentesco circondato dai vigneti da cui nascono i pregiatissimi Tignanello e Solaia della famiglia Antinori, che ha trasformato questo luogo incantevole in un accogliente Country Resort & Restaurant. 

Fonte de' Medici

APPUNTAMENTI ANNUALI:

  • Il 1 maggio si parte con la Fiera dei Fiori, il 3 maggio festa di Santa Croce, patrona del paese e il secondo weekend di settembre si svolge la rassegna del Chianti Classico.

COME ARRIVARE A GREVE IN CHIANTI DA FIRENZE:

Da Firenze sud: si prende la SR 222, ovvero la Chiantigiana, la strada panoramica che attraversa tutto il Chianti da Firenze a Siena.

Da Firenze nord: si esce a Firenze Impruneta e da lì si prende la SP3 passando per Tavarnuzze e Greti, oppure la Firenze-Siena, uscita Bargino (dove c'è la famosa cantina Antinori), direzione Badia a Passignano.

COME ARRIVARE A GREVE IN CHIANTI DA SIENA:

Prendere la tangenziale ovest, il raccordo autostradale Firenze-Siena e uscire a Badesse, prendendo la strada provinciale119, che tra San Leonino e Fonterutoli diventa Chiantigiana.

Oppure si può proseguire sulla Firenze-Siena, uscire a Tavernelle, superare un'altra famosa cantina Antinori, quella del Tignanello, andare in direzione Greti e da lì a Greve.

Per i parcheggi, i più vicini al centro sono in via Luca Cini e in Viale Rosa Libri, a pochi passi da piazza Matteotti.

Inspiration

Connect with Firenze Made in Tuscany