Advertising

Connect with Firenze Made in Tuscany

Sign up our newsletter

Get more inspiration, tips and exclusive itineraries in Florence

+

Teresa Favi

14 Gennaio 2016

Ristoranti stellati 2016 a Firenze

Scoprite i segreti dei 6 ristoranti stellati in città

Come ogni anno anche per il 2016 la Guida Michelin ha incoronato i ristoranti “che meritano una deviazione” e ha regalato anche qualche bella sorpresa nel panorama toscano dell’alta gastronomia.

A partire dalla nuova stella che brilla a Firenze, a pochi metri da Ponte Vecchio: quella assegnata al ristorante Borgo San Jacopo del gruppo alberghiero Lungarno Collection proprietà della famiglia Ferragamo.

Un successo in grande stile a poco più di un anno dall’arrivo del talentuoso chef trentino Peter Brunel. Nell’autunno del 2014 arriva il primo menu a firma di Brunel al ristorante gourmet Borgo San Jacopo dove si ritrovano anche alcuni dei suoi grandi classici come il risotto al cavolo cappuccio e che vede lo spaghetto di patata (senza farina) imporsi come piatto signature.

Ma uno per uno conosciamo i magnifici sei ristoranti stellati di Firenze:

Enoteca Pinchiorri ***
Praticamente una leggenda. Oltre quaranta anni di attività per questa istituzione fiorentina guidata da sempre da Annie Feolde e Giorgio Pinchiorri che conferma anche quest’anno il massimo riconoscimento. Una cucina apprezzata per gusto e materie prime, dove gustare piatti diventati classici come i ravioli doppi con burrata e faraona o i gamberoni avvolti nella pancetta con zuppa di fagioli e farro, si abbina a una cantina con oltre 400 etichette tra le prime al mondo, con degustazioni uniche e due carte dei vini, una italiana e una internazionale. In cucina uno staff guidato da Italo Bassi e Riccardo Monco (Via Ghibellina, 87, ph. +39 055 24777 – 24757).

Borgo San Jacopo *N
Con una vista mozzafiato sull’Arno e Ponte Vecchio, sotto la guida di Peter Brunel dall’estate 2014, offre le magie della cucina internazionale a fianco della tradizione toscana e dei grandi classici italiani interpretati da un chiave di lettura personale e sorprendente anche nei menù senza glutine. Imperdibile lo spaghetto di patate, un piatto complesso, preparato utilizzando la patata tornita a crudo, cotta in una salamoia e fissata a una temperatura che ne stabilizza gli amidi, trasformata poi in spaghetti sottili che vengono saltati in padella e conditi con uno zabaione di uova di Paolo Parisi e guanciale di cinta senese (Borgo San Jacopo, 62 - ph. 055 281661).

Il Palagio *
E’ il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, stella Michelin dal 2011, gode della splendida cornice del Palazzo della Gherardesca e, nelle stagioni più calde, anche dell’omonimo giardino. Lo chef è il pluripremiato Vito Mollica, che consiglia Pici tirati a mano, lepre e fave di tonka, scampi arrostiti con crema di topinambur, guanciale iberico e olio alle nocciole. La cantina presenta una carta con circa cinquecento etichette vinicole (Borgo Pinti, 99 - ph. +30 055 2626450).

La Bottega del Buon Caffè *
Lo chef Antonello Sardi si è visto confermare per il secondo anno consecutivo la stella Michelin grazie alla cucina fatta di passione per gli ingredienti locali e dotata di grande fantasia. Molti ingredienti provengono dalla fattoria toscana di proprietà del ristorante. Tra i piatti da non perdere la Creme brûlée al Foie gras, gelato alla cipolla rossa di Tropea e pan brioche, e i ravioli di rana pescatrice affumicata e bottarga di muggine (Lungarno Benvenuto Cellini, 69/r - ph. +39 055 2321583).

Ora d’aria *
Stella Michelin dal 2011 con (anche) tapas a pranzo e alta cucina a cena, con due menu degustazione e la scelta alla carta, con eccellenze nel piccione etouffè arrostito con mela e puntarelle e nella bistecca di cervo. Il tutto con la maestria dello chef toscano Marco Stabile, quarantaduenne enfant prodige dei fornelli (Via dei Georgofili, 11/r -ph. +39 055 2001699).

Winter Garden by Caino *
La guida Michelin 2015 ha assegnato la prima stella al ristorante del St. Regis Hotel di Firenze premiando l’idea di cucina dell’Executive Chef Michele Griglio e del suo team con la supervisione di Valeria Piccini (Chef del ristorante Da Caino a Montemerano), ovvero un mix di dinamismo e tradizione del territorio. Aperto nel luglio 2013 il ristorante si è subito affermato tra gli appassionati di alta cucina nel cuore della città (Piazza Ognissanti, 1 - ph. +30 055 27163770). 

Per conoscere tutte le nuove stelle Michelin della Toscana, clicca qui.

Inspiration

Connect with Firenze Made in Tuscany