Advertising

Connect with Firenze Made in Tuscany

Sign up our newsletter

Get more inspiration, tips and exclusive itineraries in Florence

+
Il cortile Di Michelozzo
12 Gennaio 2021

Il Cortile di Palazzo Vecchio

Progettato da Michelozzo, decorato dal Vasari, sarà restaurato nel 2021 con il contributo del Gruppo Kering

Il Cortile

Il cortile di Palazzo Vecchio

Il cortile di Michelozzo è una il foyer di quel teatro sorprendente che è Palazzo Vecchio. Bello da togliere il fiato fu progettato da Michelozzo nel 1453: il famoso architetto sostituì i pilastri con colonne cilindriche e ottagonali e poi edificò il loggiato. Nel 1556 Cosimo I chiese a Giorgio Vasari di rendere ancora più spettacolare questo spazio, in occasione delle nozze di Giovanna d’Austria con  Francesco I de’ Medici.

Le lunette che decorano la parte alta del porticato rappresentano le insegne delle chiese di Firenze ma anche i simboli delle potenti corporazioni delle arti e dei mestieri. Nei riquadri sotto invece sono state dipinte le vedute di alcune città dell’impero di Asburgo per rendere omaggio a Giovanna d’Austria. Le città raffigurate sono Praga, Passavia, Stein, Klosterneuburg, Graz, Friburgo in Brisgovia, Linz, Bratislava, Vienna, Innsbruck, Eberndorf, Costanza, Neustadt e Hall. Le volte sono arricchite da decorazioni grottesche. 

L'esecuzione degli stucchi delle colonne del cortile fu affidata a Pier Paolo Minoccio da Forlì. 

La Fontana

La Fontana di palazzo Vecchio

Al centro, in sostituzione dell'antico pozzo, venne eretta una fontana su disegno di Vasari: un ampio basamento ottagonale, con gli ultimi due gradini rotondi e una colonnina di porfido che regge una vasca marmorea. Sulla fontana venne collocata nel 1557 la più antica statua bronzea del Putto con delfino di Andrea del Verrocchio (1470 circa), spostata dal 1959 al secondo piano del palazzo e sostituita nel cortile da una copia.

Il Restauro

Il gruppo Kering e il il suo Presidente François-Henri Pinault sosterranno il rinnovamento dell'impianto di illuminazione del cortile di Palazzo Vecchio. I lavori inizieranno nei prossimi mesi e si svilupperanno nel corso del 2021. "Come ho affermato un anno fa, quando mi era stato consegnato il Fiorino d'Oro, Firenze e la Toscana ricoprono un significato particolare per me e per il gruppo", ha affermato François-Henri Pinault , "Proprio per questo motivo, abbiamo deciso di contribuire alla valorizzazione di una delle tante meraviglie, Palazzo Vecchio, simbolo di Firenze e della sua tradizione culturale e splendore artistico".
"Quando pensiamo a un luogo dove investire in capacità artigianali e manageriali”, ha concluso Pinault, “questo territorio è in cima alle nostre preferenze, perché ci ha sempre offerto un mix di altissimo livello".

Potrebbe interessarti

Inspiration

Connect with Firenze Made in Tuscany