Advertising

Connect with Firenze Made in Tuscany

Sign up our newsletter

Get more inspiration, tips and exclusive itineraries in Florence

+
cover Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde

Text Teresa Favi

November 25, 2020

Michelin Guide 2021: all starred restaurants in Tuscany

The complete list of the 43 starred restaurants in Tuscany that this year proves to be the most dynamic region in Italy

Mentre la ristorazione è in sofferenza per le restrizioni imposte dal Coronavirus, dalla Guida Michelin arrivano segnali positivi per gli chef e i ristoranti toscani che stanno regalando alla regione oltre alla loro tenacia impegno, rispetto e creatività.

La Guida Michelin

E' appena uscita infatti la nuova edizione della Guida Michelin 2021 e la Toscana festeggia la conferma delle Tre Stelle per l'Enoteca Pinchiorri, vede salire a Due Stelle il ristorante Santa Elisabetta (Firenze) sotto la guida dello chef Rocco De Santis e dimostrando di essere la regione più dinamica d'Italia vede entrare nel mondo della Michelin ben 5 nuovi ristoranti: Poggio Rosso (Castelnuovo Berardenga), che sancisce il primato dello chef di origini pistoiesi Enrico Bartolini, arrivato ad un totale di 9 Stelle Michelin, di cui 2 in Toscana. Gabbiano 3.0 (Marina di Grosseto), Linfa (San Gimignano), Sala dei grappoli (Montalcino) e Franco Mare (Marina di Pietrasanta). Anche nelle Stelle Verdi ci sono delle realtà toscane: Le Tre Virtù (Scarperia) e I'Ciocio (Suvereto).

Enoteca Pinchiorri

TUTTE LE STELLE DI FIRENZE:

Enoteca Pinchiorri

Enoteca Pinchiorri *** (confermate)

Difficile trovare le parole per descrivere un vero templio del gusto della cucina italiana considerato uno dei 10 migliori ristoranti al mondo. I padroni di casa sono Giorgio Pinchiorri e Annie Féolde, da più di 40 anni la coppia più gourmet del panorama mondiale. Primo in Europa ad aver la corona di Wine Spectator dal 1984, la cantina di Enoteca Pinchiorri va oltre 100.000 bottiglie con più di 4000 etichette, introvabili in altre parti del mondo. Imperdibile l’esplorazione delle proposte basate sulla qualità delle materie prime di Annie Feolde e della sua brigata di cucina, guidata dallo chef Riccardo Monco. 

Santa Elisabetta - Hotel Brunelleschi

 Santa Elisabetta ** (nuova 2° stella)

Una nuova stella per lo chef Rocco De Santis. Dove, nell'elegante ristorante dell'Hotel Brunelleschi, i suoi piatti sorprendono il palato con i suoi piacevoli contrasti: tra acidità e dolcezza, tra cotto e crudo, tra sapidità e leggerezza.Il risultato della sua cucina è un concentrato di tecnica, idee sempre nuove, esperienza e contaminazioni di usi e tradizioni della sua terra d’origina, la Campania.

Il Palagio

Il Palagio Four Seasons Hotel * (confermata)

E' il leggendario ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Al nono anno consecutivo dalla vittoria della prima stella, è un volto amato della città, di cui ormai è parte integrante. Tra i piatti da non perdere, i Cavatelli Cacio e Pepe con Gamberi Rossi e Calamaretti e il Piccione di Montespertoli al Vin Santo cotto in vescica e frutta caramellata al timo. In carta circa cinquecento etichette vinicole.

Borgo San Jacopo

Borgo San Jacopo * (confermata)

Un'esperienza di alta gastronomia e un panorama memorabile sulla Firenze più meravigliosa. Lo chef stellato Claudio Mengoni, è pronto a far conoscere la sua filosofia di cucina, vera e sincera dove i suoi ingredienti trovano creatività e rigore, senza compromessi.

gucci osteria

Gucci Osteria * (confermata)

Tappa obbligatoria per gli amanti del bello, all'interno dell'universo Gucci Garden, Gucci Osteria , con la cucina di Karime López, conferma la sua meritatissima stella Michelin. Imperdibile e ricco di ricordi, il menù è multietnico, con i sapori italiani che si sposano alla perfezione con quelli messicani e sudamericani. Merito di un grande maestro, Massimo Bottura.

La Bottega del Buon Caffè

Bottega del Buon Caffè * (confermata)

Una stella Michelin. La Filosofia di questo splendido ristorante è quella di servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti prodotti con i migliori ingredienti a km 0. La cucina, propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante.

La Leggenda dei Frati

Leggenda dei Frati * (confermata)

All’interno del complesso Museale di Villa Bardini, da cui si gode di una delle più belle viste sulla città si trova un luogo di cucina allo stesso tempo innovativa e legata alla cultura gastronomica del territorio. Filippo Saporito ne è chef e patron, seguito fedelmente dalla moglie Ombretta.

Ora d'aria

Ora d’Aria * (confermata)

Colonna dell'alta cucina fiorentina, dove fanno da padrone l’uovo e i riti della nonna, il risotto e faraona, il piccione etouffè arrostito con mela e puntarelle e la bistecca di cervo. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: timidezza e genio, una affabilità che ti sorprende, piatto dopo piatto e una sapienza che non gode mai dei risultati raggiunti ma si spinge sempre un po’ più lontano.

 

MA VEDIAMO ANCHE TUTTE LE STELLE IN TOSCANA:

Arnolfo – Colle Val d’Elsa ** (confermata) 

Una conferma Gaetano Trovato. Gli ambienti, eleganti ed accoglienti, sono quelli di un'ex dimora privata del XVII secolo. Incantevole la terrazza panoramica da godersi durante l'estate. La cantina è nella mani del fratello dello chef, Giovanni Trovato.

Bracali – Massa Marittima ** (confermata) 

Situato nel cuore delle colline metallifere, a Massa Marittima, un locale di campagna antico che all’interno cela un luogo riservato e ricco di dettagli. Un ristorante gestito in maniera impeccabile dai due fratelli Bracali, che si dividono tra sala e cucina. In qualsiasi stagione dell’anno fare una tappa in questo ristorante merita il viaggio grazie a Luca, il fratello maggiore, cerimoniere della sala e grande intenditore di vini e Francesco, cuoco autodidatta, entrambi amanti dell’arte.

Caino – Montemerano ** (confermata) 

E' la creatura di Valeria Piccini, chef e donna dall'enorme sensibilità gastronomica e caparbietà, supportata - ora - dal prezioso contributo del figlio Andrea. Il “credo” di questa grande cuoca risiede nella volontà di consentire al suo ospite di capire esattamente cosa sta mangiando, evitando di adottare tecniche troppo estreme o prodotti non all’altezza.

Piccolo Principe – Viareggio ** (confermata) 

Ambienti intimi ed accoglienti, si schiudono ogni giorno dell’anno per offrire a tutti gli amanti della cucina raffinata il gusto inimitabile di esclusive ricette creative dello chef Giuseppe Mancino. Delizie da gustare avvolti in un’atmosfera rilassante e piacevole: un’esperienza resa indimenticabile da un servizio eccellente.

Atman a Villa Rospigliosi – Lamporecchio * (confermata) 

Una cucina moderna, quella dello chef Marco Cahssai, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica, la seicentesca dimora papale, circondata da splendido giardino, che già da sola vale la visita a Lamporecchio.

Bistrot – Forte dei Marmi * (confermata) 

Un’esperienza unica al sapore di mare. Cucina a vista, eleganti sale dal design ispirato allo stile coloniale e un fresco dehors estivo dove poter gustare i piatti ascoltando musica jazz. Nella cantina è possibile prenotare cene private esclusive. In cucina lo chef Andrea Mattei.

Butterfly – Marlia * (confermata)

Splendido casolare ottocentesco suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Durante la bella stagione anche il curato giardino viene apparecchiato per gli ospiti. In cucina lo chef Fabrizio Girasoli, dal 2008 stella Michelin.

Castello di Fighine – San Casciano dei Bagni * (confermata) 

Il menu è frutto della felice sinergia tra lo chef tristellato Heinz Beck e un giovane e talentuoso chef campano, Antonio Romano. Magnifica la vista che si gode dalle terrazze del ristorante, ricoperte di rose e glicini.

Franco Mare – Marina di Pietrasanta * (nuova) 

Nuova Stella e nuovo locale che diventerà ancor di più di culto in quel di Marina di Pietrasanta. il Franco Mare di Davide Stefanini con il talentuoso chef lombardo Alessandro Ferrarini è un vero place to be della Versilia e non solo. In prevalenza a base di pesce, la cucina soddisfa i palati con proposte il più delle volte classiche, che puntano sul pescato di altissima qualità senza perdersi in artificiosi tecnicismi. A mezzogiorno il ristorante Il Corallo assicura il servizio fronte mare; per pranzare gourmet è necessario prenotare.

Gabbiano 3.0 – Marina di Grosseto * (nuova)

Un viaggio di ritorno che inaugura l’inizio di una nuova avventura: chef Alessandro Rossi ritrova la sua amata Toscana, fonde la sua già ricca esperienza del territorio alla scoperta entusiasta del litorale, e firma con il suo stile distintivo il nuovo corso del "ristorante gastronomico" Gabbiano 3.0. Il risultato è un menù che concilia la ricerca gourmet e la fresca semplicità in un’esplorazione sensoriale appagante e sorprendente. 

I Salotti, Hotel Il Patriarca – Chiusi * (confermata) 

Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna dalla chef Katia Maccari. Una stella Michelin.

I'Ciocio – Suvereto * verde (nuova) 

Nello splendido scenario del centro storico, prodotti bio e a km 0 per una cucina legata al territorio. Lo Chef e Patron, Fabrizio Caponi, lascia entrare nella sua cucina quasi esclusivamente prodotti che provengono da aziende agricole biologiche, portatori di sapori e profumi che rimangono nel cuore e nella memoria di chiunque si accomodi a uno dei suoi tavoli.

Il Giglio – Lucca * (confermata)

In un bel palazzo settecentesco, il Giglio esiste dal 1979, ma la gestione affidata a tre giovani ragazzi risale a pochi anni or sono, si tratta di Stefano Terigi, Lorenzo Stefanini e Benedetto Rullo. È – infatti – una storia di squadra – quella dei tre amici cuochi riuniti nel rilancio di questo locale in una delle tante piazze del centro storico dell'incantevole Lucca. 

Il Pellicano – Porto Ercole * (confermata)

In questo elegante hotel di Porto Ercole, la cucina dello Chef Michelino Gioia è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare. 

Il Pievano, Castello di Spaltenna – Gaiole in Chianti * (confermata) 

Nell'affascinante, romantica atmosfera di un convento millenario, che ceniate all'interno nella sala dei papi o ai tavoli sistemati nella suggestiva corte interna sarete -comunque - nelle rassicuranti mani di un giovane cuoco di origine greca. Da tempo in realtà innamorato della cucina toscana, lo chef Chef Stelios Sakalis, vi offrirà un brillante saggio, tra raffinate presentazione, una rimarchevole ricerca di prodotti (soprattutto tra gli allevatori della zona) e la capacità di “tradurre” il tutto in maniera delicata ed equilibrata.

L’Asinello – Castelnuovo Berardenga * (confermata) 

L’Asinello si trova a Villa a Sesta, nel comune di Castelnuovo Berardenga. L’alta qualità dei prodotti e dei piatti del menù e l’ottima gestione della sala sono stati premiati dalla Guida Michelin. Il riconoscimento di assoluto valore che arriva dal bestseller della ristorazione è anche il risultato del lavoro  portato avanti dallo chef e proprietario Senio Venturi.

La Bottega del 30 – Castelnuovo Berardenga * (confermata) 

Si potrebbe fare un film con la storia di Hélène Stoquelet. Una ragazza parigina che, vinto un concorso come insegnante a Siena, incontra l’amore e diventa chef del primo ristorante stellato del Chianti, La Bottega del 30.

La Magnolia Hotel Byron – Forte dei Marmi * (confermata) 

Il nome dello chef stella Michelin, Cristoforo Trapani, è una garanzia ai fornelli grazie alla sua sapiente rivisitazione creativa degli ingredienti locali. Si mangia in un ambiente esclusivo a bordo piscina, anche quando il meteo fa i capricci, grazie alla copertura esterna. 

La Pineta – Marina di Bibbona * (confermata)

Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana con una splendida location in riva al mare. Siamo sulla spiaggia di Marina di Bibbona, al margine della pineta con Marina di Cecina. C’era una baracchina sulle palafitte, accanto al bagno La Pineta, e il ristorante si chiama ancora La Pineta. Yna bella sala sul mare, gli arredi navali, il parquet scuro. In cucina e in sala gli eredi diretti del grande Luciano Zazzeri: i figli Daniele, chef stellato in cucina e Andrea, in sala. 

La Torre al Castello del Nero – Tavarnelle Val di Pesa * (confermata) 

Giovanni Luca Di Pirro è l’executive chef del ristorante La Torre e f&b manager di tutto il prestigioso resort Castello del Nero. Gli ingredienti per colpire il bersaglio ci sono tutti a cominciare dalla competenza e professionalità di un trentennio di carriera, il piacere di cucinare, il palato fine e l’amore del buon cibo. E poi, non meno importante, un carattere senza spocchia, pronto anche a mettersi in discussione se occorre.

Le Tre Virtù – Scarperia * verde (nuova) 

Il ristorante all'interno della Tenuta Le Tre Virtù, diretto dall'Executive Chef Antonello Sardi, propone una cucina gourmet che reinterpreta i piatti della tradizione culinaria toscana. Natura, amore genuino e legame con il territorio esaltano la sua cucina: qualità e freschezza delle materie prime e solo eccellenze toscane.

Linfa – San Gimignano * (nuova) 

Oggi la cittadina di San Gimignano è diventata una destinazione food di rispetto grazie anche a Linfa, ristorante creativo creato dallo chef Alberto Sparacino, classe ’84, che è diventato con il tempo uno spazio di espressioni di talenti. L’obiettivo del ristorante è proprio quello di estrarre la linfa vitale dal suo giovane team; infatti, Linfa è sinonimo di vitalità ed energia. Si vuole sviluppare una nuova idea di cucina italiana con contaminazioni orientali, lavorando sulla “diversity”geografica nazionale ed internazionale. 

Lorenzo – Forte dei Marmi * (confermata) 

Ormai una leggenda, sia per la Versilia ma anche per l’Italia: ottimo pesce, servizio attento e una cantina con più di mille etichette. Famosissima la sua maionese preparata in sala. A garanzia di tutto una stella Michelin.

Lunasia – Viareggio * (confermata) 

Nell’atmosfera glamour del ristorante Lunasia, lo chef stellato Luca Landi offre l’occasione di vivere un’esperienza gastronomica ai massimi livelli, attraverso un mix di classicità e innovazione, estetica e sapore, colori e profumi che trasformano ogni portata in un’autentica opera d’arte culinaria.

Lux Lucis Hotel Principe – Forte dei Marmi * (confermata) 

All'interno dell'albergo Principe Forte dei Marmi, un ascensore vi condurrà al roof garden, dove la vista sul litorale è incantevole e, con un po’ di fortuna, lo sono anche i tramonti. Da qui ci si trasferisce in sala, preceduta dalla cucina a vista. Originario delle colline modenesi, lo chef Valentino Cassanelli, ama disseminare qua e là qualche inserto emiliano.

Meo Modo, Hotel Borgo Santo Pietro – Chiusdino * (confermata) 

Nel ristorante all’interno del Relais Borgo Santo Pietro, lo chef stellato Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata.

Osteria di Passignano – Tavarnelle Val di Pesa * (confermata) 

Fa parte dell'universo Antinori. Dell'osteria porta il nome e l'attenzione per la cucina tradizionale, ma è in realtà un elegante ristorante fra mura antichissime, posto accanto alla Badia di Passignano, fondata nel XI secolo. In cucina lo chef Nicola Damiani.

Osteria Perillà – Rocca d’Orcia * (confermata) 

Lo chef stellato Marcello Corrado propone una cucina di qualità e di ricerca, che utilizza gli ingredienti del territorio - a partire da quelli prodotti nell’azienda agricola di proprietà -, dando nuova vita e prospettiva alle ricette della tradizione italiana, in particolare toscana e del centro sud.

Poggio Rosso – Borgo San Felice, Castelnuovo Berardenga * (nuova)

La rosa dei migliori ristoranti della Toscana si arricchisce con questo scrigno di sapori e profumi della tradizione che vengono reinterpretati in chiave internazionale dallo sguardo dall’Executive Chef Juan Camilo Quintero, alla scoperta di un percorso gastronomico autentico ma con un forte senso di innovazione.  

Relais Il Falconiere – Cortona * (confermata) 

Indirizzo da non perdere per gli appassionati di cucina toscana, che qui trovano le grandi carni, insaporite da spezie (siamo in una località di Cortona, dove il pepe è un grande cult) ed erbe aromatiche. In cucina la chef stellata Silvia Baracchi, che si dichiara orgogliosamente Etrusca.

Romano – Viareggio * (confermata) 

Celebre ristorante che ha festeggiato nel 2016 cinquant’anni di attività con la sua stella Michelin, la più antica della Versilia. La cucina della famiglia Franceschini è un concentrato di qualità ed essenzialità, che guarda al mare con intriganti incursioni nei sapori di terra. 

Sala dei Grappoli – Castello Banf - Montalcino * (nuova)

Situato all’ombra del castello medioevale di Poggio alle Mura, oggi conosciuto come Castello Banfi, la Sala dei Grappoli è una nuova scoperta Michelin. Lo chef Domenico Francone guida la sua brigata attraverso una scenografica cucina a vista, il ristorante si arricchisce di una splendida terrazza affacciata sulle mura dello storico castello, dove lo sguardo si apre sulla meravigliosa Val d’Orcia, patrimonio mondiale Unesco.

Il Silene – Seggiano * (confermata) 

Grande tradizione, prodotti autoctoni, perfetto connubio tra l’energia della modernità e l’intramontabile eleganza della tradizione firmata dallo chef Roberto Rossi. Ottimi i primi piatti e le carni, con qualche proposta di pesce, il tutto condito con olio di produzione propria, erbe e verdure dell'orto di proprietà.

Trattoria di Enrico Bartolini, Tenuta la Badiola – Castiglione della Pescaia * (confermata) 

Un'altra creatura dello chef da stelle record (9 in tutta Italia) Enrico Bartolini, elegante osteria gourmet, immersa nella meravigliosa Tenuta la Badiola, dedicata alla più autentica cucina del territorio interpretata con creatività e leggerezza per un’esperienza del palato immediata, ma al contempo raffinata.

 

 

You may be interested

Inspiration

Connect with Firenze Made in Tuscany