Advertising

Connect with Firenze Made in Tuscany

Sign up our newsletter

Get more inspiration, tips and exclusive itineraries in Florence

+
La Cappella della Madonna di Vitaleta

photo Gabriele Forti

20 Luglio 2021

La Cappella della Madonna di Vitaleta riapre al pubblico

Il simbolo più fotografato della Val d’Orcia rinasce dopo il restauro

La Cappella della Madonna di Vitaleta è un piccolo gioiello incastonato tra sei iconici cipressi, nelle vicinanze di San Quirico d’Orcia, località al centro della valle patrimonio culturale dell’Unesco. Una chiesa ricca di storia, che il recente restauro ha restituito alla comunità di San Quirico e non solo, e che ora ritrova la sua sacralità, intima e senza tempo.

La Cappella della Madonna di Vitaleta

LA STORIA

La leggenda narra che, nel corso del cinquecento, nel punto esatto in cui sorge la chiesa, Maria apparve a una pastorella e le suggerì di invitare i sanquirichesi a recarsi in una bottega fiorentina, dove avrebbero trovato la statua da porre nella chiesa di Vitaleta.

Così, grazie alle offerte del popolo, i devoti sanquirichesi acquistarono presso la bottega della famiglia dei celebri artisti fiorentini della Robbia una bellissima Madonna in ceramica invetriata, realizzata Andrea della Robbia. E, tra la fine del cinquecento e i primi decenni del seicento, fu costruita una chiesa per accogliere degnamente la bianca scultura, a Vitaleta, sul confine fra San Quirico e Pienza. Alla sacra immagine, nel tempo, furono attribuiti numerosi miracoli, come raccontano gli storici locali.

La Cappella della Madonna di Vitaleta

La Madonna veniva invocata ogni volta che c’era una carestia, una pestilenza, un terremoto e, nel 1822, fu accompagnata anche in processione fino a Siena dove fece mostra di sé nel Duomo cittadino. Da allora, sempre più frequenti furono gli spostamenti a San Quirico fino a quando, nel 1861, constatata l’inagibilità dell’antica cappella, si decise di trasferirla definitivamente nella Collegiata di San Quirico.

A partire dal 1870, la statua robbiana trovò la sua definitiva sistemazione nell’ex convento che, in suo onore, mutò il nome in Chiesa di Maria SS. di Vitaleta.

La Cappella della Madonna di Vitaleta

Negli anni Ottanta dell’Ottocento la chiesa originaria, ormai abbandonata, venne demolita. Al suo posto il proprietario, un privato cittadino di San Quirico, incarica il celebre architetto senese Giuseppe Partini di costruire una nuova chiesa, inaugurata nel 1885. Da allora, il culto della Madonna si sviluppò talmente tanto che, intorno agli anni 10 del secolo scorso, il Papa le concesse la corona d’oro, che viene attribuita quando si compiono miracoli importanti. Da allora, ogni prima domenica di settembre, si celebra una festa in suo onore.

LA CAPPELLA DI VITALETA OGGI

La cappella è oggi di proprietà dell’Ing. Pasquale Forte, imprenditore visionario che, intimamente legato a questi luoghi e alla Madonna di Vitaleta, ha fortemente voluto far rinascere la Cappella, ridonandole il suo originario significato di religiosità e devozione e la sua bellezza, attraverso un restauro che ha ridato anima a questo luogo rendendolo di nuovo accessibile, in condizioni di massima sicurezza. Un progetto di intervento sia esterno, sia interno nel rispetto della semplicità che contraddistingue.

La Cappella della Madonna di Vitaleta

Ora sull’altare è stata posta una fotografia della Madonna di Vitaleta, in attesa di ospitare l’opera di un artista e contemporaneo.

Domenica 18 luglio, con una Messa celebrata dall’arcivescovo di Siena, il Cardinale Lojudice, a distanza di 4 mesi dall’inizio dei lavori di restauro, la cappella di Vitaleta ha riaperto al pubblico e ai devoti.

Fino a settembre, per il centenario dell’incoronazione della Madonna di Vitaleta, seguirà un fitto calendario di celebrazioni: concerti strumentali e corali, sbandierate dei Quartieri e altre attività. E la tradizionale festa decennale di settembre sarà quest’anno una festa speciale dove, oltre alla liturgia religiosa, sarà presentato un libro dedicato alle vicende storiche, travagliate e complesse, della Madonna di Vitaleta, accompagnato da una performance musicale e da uno spettacolo pirotecnico di fuochi d’artificio.

La Cappella della Madonna di Vitaleta

IL RISTORO DI VITALETA

Il Ristoro Vitaleta, accanto alla Cappella, è il nuovo luogo pensato per tutti visitatori che vorranno concedersi una sosta gustando le eccellenze locali e di Podere Forte; i salumi di Cinta Senese, l’olio extra vergine di oliva Terre di Siena D.O.P, il pane fresco con la farina di grano duro Senatore Cappelli, prodotti altri prodotti tipici selezionati tra le eccellenze valdorciane, insieme ai vini del Podere Forte. Il tutto biologico e biodinamico.

Il Ristoro Vitaleta

Inspiration

Connect with Firenze Made in Tuscany